Garante: responsabilità e opportunità

Ottieni subito il tuo prestito!

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Garante: responsabilità e opportunità. Questo articolo serve per fornire tutte le informazioni necessarie affinché vi siano informazioni complete per quanto riguarda la firma di garanzia per finanziamenti e mutui.

Responsabilità del garante in un finanziamento

Vediamo nello specifico fare da garante per un finanziamento cosa comporta.

Ti sarai sempre chiesto, ma chi fa da garante cosa rischia? Questa è la prima domanda che assilla tutti noi quando ci ritroviamo dinanzi a necessità stringenti. Innanzitutto ci teniamo a specificare che il significato di fare da garante è effettivamente quello di garantire per un terzo, laddove le sue condizioni economico-finanziarie, da sole, non siano affidabili.

La prima responsabilità di un garante è quindi intervenire nel regolare pagamento delle rate, quando il richiedente non è solvibile. Con regolare, intendiamo che diventa automaticamente responsabilità del garante conoscere la data di scadenza della rata del mutuo o del finanziamento e, qualora il cliente non fosse in grado di pagare il suo debito, il garante dovrà coprire questa scadenza.

Questo è praticamente quello che succede a un garante se il debitore non paga.

In ogni caso ci teniamo a ricordare che ma la banca o la finanziaria di riferimento interverrà per avvisare in modo preventivo il garante poiché, come espressamente detto in precedenza, è suo compito tenersi aggiornato circa la solvibilità mensile del cliente.

Inoltre, è bene fare attenzione a queste situazioni poiché, se ciò non accadesse, ovvero se il garante non riuscisse a coprire la rata lasciata scoperta dal richiedente, e dunque nemmeno il garante fosse solvibile nel rimborsare la quota mensile prevista dal piano di ammortamento, per entrambi scatterebbe la segnalazione in banca dati come cattivo pagatore poiché ciò è previsto dall’attuale normativa.

Qualora necessitassi di maggiori informazioni, puoi scriverci compilando il modulo che trovi alla fine di questo articolo. Un nostro consulente di contatterà gratuitamente per rispondere alle tue richieste e consigliarti la soluzione più adatta a te.

Sono garante di un prestito a mia insaputa

Iniziamo subito col dire che ciò non è possibile. Non è possibile poiché diversamente si tratterebbe di furto d’identità. È vero pure che questa situazione si verifica quando la richiesta di finanziamento viene presentata utilizzando i documenti di una terza persona non informata dei fatti.

È più probabile, in effetti, che avvenga quando si tratta di un finanziamento online. Diversamente, salvo casi estremi in cui i documenti di riconoscimento sono stati evidentemente alterati, e un banale esempio può essere il cambiamento della foto sulla carta di identità, non è davvero fattibile. Questo perché le firme sulla documentazione precontrattuale e sul contratto, che sia di finanziamento o di mutuo, vengono apposte in presenza di un incaricato della finanziaria o della banca incaricata, contestualmente all’esibizione del documento di identità in originale.

Tutto ciò è parte naturale dello svolgimento del processo che, per completezza, riportiamo fare parte dell’attuale normativa antiriciclaggio.

Sono garante di un prestito non pagato

Come accennato in precedenza, il garante è altrettanto responsabile di quanto avviene al cliente che ha richiesto il prestito. Se sei garante di un finanziamento non pagato, verrai segnalato in banca dati come cattivo pagatore e questo ti comporterà, viste le segnalazioni, difficoltà di accesso al credito, associata a una possibile attività di recupero crediti per rientrare dalla posizione debitoria. Su un mutuo non pagato queste le conseguenze per il garante.

Opportunità del garante

Dopo aver trattato i punti relativa alle responsabilità di un garante, vediamo ora nello specifico cosa è concesso fare a un garante.

Innanzitutto è importante sapere come si può tutelare un garante. Per prima cosa, consigliamo di verificare ogni mese il regolare imborso del finanziamento. Se ciò non dovesse accadere, prepararsi a far fronte al rimborso rateale. Il garante in questo caso avrà poi diritto di rivalsa sul cliente moroso.

Quindi il diritto di rivalsa del garante consiste nel poter chiedere al cliente la restituzione delle somme anticipate. Questo è, di fatto, l’unico modo in cui il garante può rivalersi sul debitore.

Un’altra possibilità è data dal fatto che il garante può recedere.

È possibile richiedere la revoca garante alla banca o finanziaria con cui è stato sottoscritto il finanziamento, tuttavia sarà concessa a discrezione dell’istituto. Di certo, qualora il finanziamento fosse recente, se non sono variate le condizioni reddituali del primo richiedente, se il prestito o mutuo non viene rimborsato regolarmente, il creditore non approverà mai la richiesta di svincolo.

Dunque, se ti stai chiedendo come togliersi da garante in un finanziamento, la risposta è che bisogna fare richiesta alla banca o finanziaria. Questo è l’unico modo in cui si può togliere la firma da garante.

Ricordiamo che ci fa da garante può richiedere un finanziamento, chi fa da garante può richiedere un muto e chi fa da garante può richiedere un prestito ammesso che si verifichi l’unica condizione comune: devono esserci i presupposti finanziari, ossia un reddito sufficiente a garantire sia il prestito in corso, sia il nuovo.

Quindi chi ha un mutuo può fare da garante sempre nel rispetto del rapporto rata – reddito e regolarità in banca dati.

Il Coobbligato è la stessa cosa?

No, anche se le responsabilità sono le stesse. Il coobbligato non ha diritto di chiedere al primo richiedente le somme anticipate a suo favore, qualora questo non sia in grado di rispettare i suoi impegni.

Siccome esistono tante sottili differenze tra tutte le figure che intervengono nella richiesta di un prestito, andiamo ad analizzare caso per caso:

  • Differenza tra garante e coobbligato: il coobbligato è tenuto a intervenire subito a coprire le rate del debito, il garante interviene invece dopo la messa in mora del debitore da parte del creditore.
  • Differenza tra cointestatario e garante: il cointestatario sottoscrive personalmente il mutuo quindi è colui che ha l’obbligo di rimborsare le rate del finanziamento insieme ai suoi cointestatari.

  • Differenza tra garante e fideiussore: diversamente dal garante, il fideiussore è colui che si obbliga personalmente a pagare il debito di un soggetto inadempiente.

Abbiamo dunque visto gli obblighi per un garante di un finanziamento e come un garante può decidere di togliersi.

FAQ – Domande veloci

Posso fare da garante se ho già un prestito?

Sì, se ho un finanziamento in corso posso fare da garante ammesso che rispetti le regole illustrate su.

Posso fare da garante se ho già un mutuo?

Sì, se ho un muto posso fare da garante. Anche in questo caso valgono le stesse regole descritte in precedenza.

Posso fare da garante se sono protestato?

No, diversamente da se si può fare da garante con un prestito in corso.

Quante volte si può fare da garante?

Sì, si può fare fa garante per due persone e, in generale, si può fare da garante per più persone con le regole di cui sopra.

In ultimo precisiamo che è necessario cambiare garante in un finanziamento in caso di morte, poiché gli impegni presi verranno trasmessi in eredità.

Per una consulenza gratuita, compila subito il nostro modulo, o scrivici un commento.

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti su “Garante: responsabilità e opportunità

  1. La cessione del quinto per pensionati all’estero, contempla solo i cittadini Italiani pensionati residenti in Schengen o anche cittadini Schengen che hanno lavorato in Italia e vivono in pensione in un paese Schengen ?