Ottieni subito il tuo prestito!

Archivio per Categoria Cessioni del quinto

DiGlobalFin

Motivi di rifiuto Cessione del Quinto, tutti i dettagli e 3 Soluzioni!

Motivi di rifiuto Cessione del Quinto, tutti i dettagli e 3 Soluzioni! Perché una cessione del quinto non può essere deliberata? Vediamo di seguito, distinto tra dipendenti e pensionati, le principali cause di non accoglimento di questo prestito.

Se vuoi risposte più specifiche riguardanti il rifiuto del tuo finanziamento, puoi scriverci un commento in questo articolo; ti rispondere tempestivamente.

Se invece vuoi parlare con un nostro consulente per valutare se insieme alla nostra società esiste la possibilità di ottenere il finanziamento. compila il modulo presente in questo sito ed entro pochi minuti un collega ti contatterà. Il servizio è gratuito e senza impegno.

Motivi di rifiuto Cessione del Quinto: se dipendente

Vi siete mai chiesti “la cessione del quinto viene sempre accettata?” La risposta è no, la cessione del quinto può essere rifiutata. Di seguito elenchiamo i principali motivi rifiuto cessione del quinto:

  1. Valutazione negativa dell’assicurazioni. Può accadere per diversi motivi, per esempio il bilancio negativo, patrimonio netto in passivo, ecc…
  2. Assunzione recente. In questi casi (o quando si è ritirato il TFR) spesso è bocciata perché le garanzie offerte non sono sufficienti per avere liquidità.
  3. Azienda troppo piccola. Solitamente le assicurazioni valutano negativamente le aziende che hanno meno di 16 dipendenti.
  4. Imminente pensionamento, infatti per dipendenti di aziende private viene considerato anche se è vicina la pensione.
  5. Stato di salute
  6. Datore di lavoro: il datore di lavoro può rifiutare la cessione del quinto, anche se per legge è un diritto del lavoratore. In questi casi difficilmente il dipendente entra in contrasto con la propria azienda.
  7. Società neo costituita: è necessario che la ditta per cui si lavora sia costituita da almeno 24 mesi e che abbia depositato almeno i primi 2 bilanci.
  8. Tipo di contratto di lavoro: sono esclusi contratti di apprendistato e contratto part time verticale.
  9. Reddito mensile: al netto della rata, ovvero decurtata la rata del finanziamento, al cliente deve rimanere un reddito minimo di sussistenza, calcolato in 500 euro mensili.

Cessione del Quinto respinta se pensionato, come mai?

Nel caso di pensionati invece, ecco perché la cessione del quinto può essere rifiutata.

  1. Reddito mimo insufficiente: per l’INPS, tolto l’importo della rata, al pensionato deve rimanere un reddito minimo di 504 euro mensili
  2. Stato di salute
  3. Tipo di pensione
  4. Residente non in Italia
  5. Età anagrafica: la cessione del quinto a pensionati deve interrompersi entro il compimento dell’85 anno di età.

Cessione del quinto rifiutata, posso chiederne un altra?

Rinnovo cessione del quinto rifiutata, come comportarsi? Danilo ci scrive:

…ho fatto richiesta sia a Findomestic, sia a Compass, sia a Agos per rivalutare la cessione del quinto in corso, ma tutti mi hanno negato la domanda di rifinanziamento. Voglio fare il rinnovo cessione del quinto fatta 4 anni fa. Lavoro in una ditta privata Spa da circa 15 anni, stipendio mensile 1800 euro. Ho qualche ritardo in Crif. Può essere questo il motivo perchè è stato respinto? Per procedere con voi serve la liberatoria?

cosa fare in questi casi? Spesso in questi casi i limiti per rinegoziare il prestito in busta paga sono legati alla valutazione assicurativa sull’azienda. Esistono diverse assicurazioni specializzate per questo tipo di finanziamento, ma non tutte sono convenzionate con gli stessi istituti di credito. Nel caso di Danilo abbiamo ottenuto il successo della sua richiesta grazie ad un partner assicurativo non convenzionato con le società finanziarie a cui si era rivolto il cliente.

Per maggiori dettagli contattaci ora, scopri i vantaggi della nostra consulenza. E’ gratis!

DiGlobalFin

Rinnovo Delega di Pagamento: Quando è Possibile? 3 Cose da Sapere

Rinnovo delega di pagamento, quanto è possibile richiederlo?
Per il rinnovo della delega di pagamento si applicano le stesse regole in vigore per la cessione del quinto. In pratica il rinnovo della delegazione di pagamento è vincolato al rimborso del 40% delle rate previste dal piano di ammortamento. Se ad esempio Maggiori informazioni

DiGlobalFin

Tassi Cessione del Quinto 2018 Confronta Ora il Miglior Tasso!

Tassi Cessione del Quinto: Confronta subito la miglior offerta online! Hai nuovi progetti da realizzare come la ristrutturazione della tua casa, l’acquisto di una nuova vettura o il viaggio desiderato da sempre?

Ebbene, inizia da questo istante a dare forma ai tuoi progetti approfittando dell’offerta di Globalfin (società iscritta all’albo OAM n° M359), valida solamente per  Maggiori informazioni

DiGlobalFin

Cessione del Quinto Azienda non Assumibile 3 Cose da Sapere!

Cessione del Quinto: Azienda non Assumibile. Come fare? Se hai richiesta la cessione del quinto e la finanziaria ti ha comunicato che non è possibile procedere a causa dell’azienda non assumibile, ti consigliamo di verificare con i nostri consulenti se esiste ugualmente una soluzione alle tue esigenze. Cliccando qui si aprirà una nuova pagina dedicata alle richieste di preventivo.

la valutazione azienda per cessione del quinto è un servizio gratuito e senza impegno. Compilati i campi presenti nel modulo ed inoltrata la richiesta, entro le successive 24 ore ci metteremo in contatto con te. Siamo una società di mediazione del credito iscritta all’albo OAM n M359.

Hai una domanda? Scrivici un commento; ti risponderemo velocemente!

Cosa significa cessione del quinto?

Prima di analizzare i principali motivi di rifiuto di questo finanziamento e delle soluzioni proposte, rispondiamo ad un quesito che ci ha posto un nostro utente: “cosa significa cessione del quinto?“.

La cessione del quinto è il finanziamento dedicato a dipendenti e pensionati che prevede il rimborso delle rate tramite l’addebito diretto in busta paga o sul cedolino della pensione. E perché cessione del quinto? Il cliente ha la facoltà di cedere fino ad un quinto della propria retribuzione netta, ovvero potrà pagare mensilmente una rata non superiore ad 1/5.

Facciamo un esempio. Mario percepisce una retribuzione netta mensile pari ad € 1.000 ed è interessato a stipulare un finanziamento tramite il quinto. Ora tenuto conto che il suo quinto è pari ad euro 200, Mario potrà sottoscrivere un prestito senza superare tale importo, ma logicamente potrà valutare un importo inferiore.

Per calcolare il quinto, sapendo l’importo della retribuzione netta mensile, basta dividere tale importo per 5 (nel nostro esempio € 1000/5 = 200).

Cessione del quinto rifiutata: principali motivazioni

Sono diverse le motivazioni, ma spesso dipendono dalla non assumibilità dell’azienda in cui lavora il dipendente.

A chi spetta questa decisione? In base a cosa si stabilisce se un’atc (ditta) è o non è assumibile?

Nella maggior parte dei casi questa valutazione è di competenza della compagnia assicurativa che dovrà garantire il finanziamento. Nella cessione del quinto infatti è prevista una copertura assicurativa obbligatoria per legge, a copertura del rischio impiego.

Valutata la solidità dell’atc (azienda), il suo stato patrimoniale, i bilanci e quant’altro sia utile a definire lo standard qualitativo di una ditta, l’assicurazione attribuirà un voto e questo determinerà se assicurerà o meno i dipendenti di questa amministrazione.

Rinnovo cessione del quinto rifiutata: Cosa fare?

Non è sempre detto che se per una finanziaria l’azienda non è assumibile, con un altro istituto la richiesta di cessione del quinto possa essere valutata positivamente. Questo è possibile in quanto ogni società finanziaria lavora con diverse compagnie assicurative e sono proprio queste a determinare se un azienda è assumibile o non assumibile in caso di una richiesta di cessione del quinto o delega di pagamento.

L’assicurazione pertanto gioca un ruolo fondamentale, ma il suo giudizio può variare da quello di un’altra compagnia. Pertanto il nostro consiglio di valutare con noi un’alternativa anche se una precedere finanziaria vi ha comunicato che per i loro parametri (o per meglio dire per i parametri della loro assicurazione) l’azienda non è assumibile.

Compila adesso il modulo, scopri i vantaggi grazie a GlobalFin!

Azienda non assumibile: quali sono i parametri?

A determinare se un azienda è assumibile o non assumibile giocano diversi fattori, fra i più importanti possiamo ricordare:
– il capitale sociale
– il numero di dipendenti
– la natura giuridica dell’azienda (es. spa, srl, cooperativa, sas o snc)
– recente assunzione
– poco TFR accantonato
– presenza di pignoramenti in busta paga
– rinnovo ante termine
– l’andamento economico finanziario dell’azienda, desumibile dagli ultimi bilanci depositati
– eventuali sinistri in corso con una determinata assicurazione/finanziaria (ad esempio per quote relative a rate di cessione del quinto in corso di loro dipendenti non versate alla finanziaria)
– il settore in cui l’azienda opera (ad esempio ad oggi tutte le compagnie o quasi tutte le compagnie assicurative giudicano non assumibile un azienda nel settore edile. Questo, ad oggi, vale anche per i nostri partners. In alcuni casi le società di vigilanza ed altro ancora).
– eventuale presenza di cassa integrazione ordinaria in busta paga (se queste sono contenute nell’arco del mese, possiamo valutare la richiesta di cessione del quinto)

Non è detto che se per una finanziaria/assicurazione una richiesta di cessione del quinto non è fattibile perché l’azienda non è assumibile, un’altra finanziaria possa deliberare e pertanto erogare la richiesta di finanziamento.

DiGlobalFin

Cessione del Quinto Futuro Spa: Come Ottenere il Prestito Online!

Cessione del Quinto Futuro spa, il prestito dedicato a dipendenti statali, pubblici, privati e pensionati inps ex inpdap.

Commento di un nostro cliente

Salve, ho un cessione del quinto fatta con la finanziaria Futuro Spa, vorrei rinnovarla, devo per forza farlo con Futuro? Cosa fare per farne un nuovo prestito con un altra finanziaria?

Risposta: Assolutamente no in questi casi la scelta è libera. Contattaci per un nuovo preventivo!

Per qualsiasi dubbio o chiarimento contattaci tramite il modulo presente sul nostro sito. Se invece hai una domanda da farci o semplicemente vuoi condividere la tua esperienza, scrivici un commento nello spazio che trovi in fondo a questa pagina.

Cessione del quinto: rinnovo

La cessione del quinto Futuro, come quella stipulata dal nostro cliente o in ogni caso anche sottoscritta con altre società finanziarie, può essere rinnovata con qualsiasi altro istituto di credito, così da garantirsi la migliore offerta del mercato.

Non esistono pertanto obblighi con il precedente istituto se non quello di rispettare, come previsto dalla normativa, il rimborso delle rate minime di legge.

La normativa spiega che:

  • la cessione del quinto può essere rinnovata solo dopo aver rimborsato il 40% delle rate previste da piano di ammortamento.
  • chi ha in corso una cessione del quinto Futuro spa o con altra finanziaria per 120 mesi o altra durata dovrà attendere il 40% del tempo. Esempio numero di rate totali 120, prestito rinegoziabile dopo il pagamento della 48ma rata (120 x 40% = 48).
  • chi ha in corso una cessione del quinto con durata 60 mesi la potrà rinegoziare dopo 12 mesi ma a condizione che il nuovo contratto sia stipulato con durata pari a 120 mesi.
  • un altro aspetto importante è che posso rinegoziare la cessione del quinto con altra finanziaria o banca senza vincoli o spese aggiuntive.

futuro spa richiesta conteggio estintivo

Una volta accettato il preventivo di rinnovo, ovvero ottenuta la delibera del prestito in busta paga o sulla pensione, si rendere necessario richiedere il conteggio estintivo alla società con cui si ha in essere il quinto dello stipendio o pensione.

E’ sufficiente inviare a Futuro spa, nel caso in cui la cessione del quinto sia stata stipulata con questa finanziaria, la richiesta  di  conteggio estintivo via fax, mail o meglio ancora tramite raccomandata; la finanziaria dovrà restituire il documento richiesto entro un massimo di 10 giorni.

In questo documento verrà indicato l’importo ancora dovuto alla finanziaria, il numero di rate insolute (nel caso che il datore di lavoro non abbia rimborsato alcune rate), gli interessi non dovuti.

Cessione del quinto perché scegliere Globalfin

Siamo una società di mediazione del credito, ovvero un broker prestiti, mutui e cessione del quinto. Regolarmente iscritti all’albo OAM (organismo agenti e mediatori del credito) n. M359, ci occupiamo da oltre 15 anni di gestire migliaia di richieste online di clienti interessati al credito.

Grazie alle numerose convenzioni attive con le principali società finanziarie, Globalfin è in grado di trovare la miglior offerta di finanziamento.

Ma quanto mi costa? Nulla, la nostra consulenza, il nostro servizio è totalmente gratuito. ricevuta la tua richiesta ti contatteremo tempestivamente per individuare le tue esigenze e per formulare il nostro miglior preventivo.

Se le condizioni proposte soddisferanno le tue aspettative, concorderemo un appuntamento a domicilio con un nostro collaboratore. Si, hai capito bene, comodamente da casa potrai ottenere il vantaggio di un consulente dedicato, in modo gratuito.

Quindi che tu sia di Milano, Roma, Torino, Verona, Reggio Emilia, Napoli, Palermo o Firenze, un nostro esperto ti raggiungerà a domicilio e ti seguirà fino ad erogazione del prestito.

Contattaci ora, scopri tutti i nostri vantaggi.

DiGlobalFin

Rifinanziare la Cessione del Quinto 5 Modi per Ottenere Liquidità!

Come rifinanziare la cessione del quinto? La cessione del quinto è un prestito personale il cui rinnovo è subordinato al pagamento di un tot di rate, variabile da contratto a contratto. Come vedremo di seguito, calcolare il rifinanziamento della cessione del quinto è semplice e veloce.

Se hai una domanda o vuoi maggiori informazioni rispetto a quanto scritto in questo articolo, scrivici un commento utilizzando il modulo che trovi in fondo a questa pagina. Il servizio è assolutamente gratuito. Un nostro esperto, analizzato il tuo quesito, ti risponderà tempestivamente.

Se invece vuoi valutare una nostra consulenza, compila il modulo di contatto ed entro pochi istanti riceverai una nostra chiamata. Il servizio è gratuito e non sono previste spese. La richiesta non verrà segnalata alle banche dati creditizie.

Vediamo adesso alcuni approfondimenti utili per questo argomento.

Perché non accettano il rifinanziamento della cessione del quinto?

Rifinanziare il prestito in busta paga o con trattenuta sulla pensione dovrebbe essere semplice se si rispettano le regole di Banca d’Italia circa il metodo di calcolo regolamentato. Come vederemo nel successivo paragrafo, per conoscere i tempi di rinnovo, è sufficiente una semplice moltiplicazione.

Capita che pur avendo soddisfatto questo requisito, il rinnovo di questo finanziamento non venga approvato. Come mai?

E’ l’esempio di un nostro cliente che ci ha contattato dicendoci:

Buongiorno, sono in difficoltà. Ho urgente bisogno di soldi e non so come fare. Non posso chiedere un prestito personale perché risulto cattivo pagatore Compass. Circa 6 anni fa ho fatto una cessione del 5 con Findomestic per la durata di 120 mesi. Ho superato abbondantemente il periodo di rinnovo, ma lo stesso non mi hanno accettato la domanda. Ho chiesto anche ad Agos e anche loro la stessa cosa. Esistono secondo voi banche o finanziarie che concedono in modo semplice il rifinanziamento di questo prestito? Grazie

Nel caso di questo nostro cliente le banche e finanziarie a cui si era rivolto non avevano l’adeguata copertura assicurativa. Uno dei principali motivi di rifiuto di un finanziamento è proprio questo. L’assicurazione che deve garantire il finanziamento, non accetta di assicurare l’operazione di finanziamento per parametri.

Cause di rifiuto del rifinanziamento

Tra le principali motivazioni di diniego di un rinnovo troviamo:

  • età anagrafica del cliente: il cliente è prossimo alla pensione, se dipendente, o troppo anziano, se pensionato.
  • l’assicurazione non valuta positivamente l’azienda in cui lavora il dipendente. Quindi il giudizio non positivo ricade sul merito della ditta, non del cliente.
  • problemi di salute del cliente
  • modifica del contratto di lavoro o retribuzione: ad esempio se un cliente da full time passa a part time
  • debito della cessione del quinto in corso eccessivo. Il rinnovo del finanziamento non consente di estinguere il vecchio prestito e contestualmente erogare al cliente nuova liquidità.

Nel caso sopra esposto, siamo riusciti ad individuare una banca ed una assicurazione disposti a valutare con successo la richiesta del cliente. Con questa operazione ha ottenuto nuova liquidità, ma non solo è riuscito a consolidare debiti con altri istituti e ridurre l’interesse (TAEG) da rimborsare sul finanziamento, ovvero pagare meno interessi.

Se anche tu vuoi valutare una nostra consulenza gratuita, contattaci adesso!

Rifinanziamento cessione del quinto: calcolo rinnovo

Come detto sopra, per rifinanziare questo finanziamento è sufficiente attendere il rimborso di un certo numero di rate in base al numero previsto dal piano di ammortamento.

Si può rifinanziare la cessione del quinto trascorsi i 2/5 dell’ammortamento, ovvero solo dopo che hai ha rimborsato il 40% delle rate. Faccio un esempio: se un cliente ha sottoscritto un contratto di cessione del quinto con durata 120 mesi, il rinnovo dello stesso finanziamento sarà concesso contestualmente al pagamento della 48 rata (120 rate * 40% = 48 rate).

Nel caso di un contratto in 72 mesi, dovrà attendere il pagamento di 29 rate; se invece ha durata 48 mesi, si dovrà pazientare almeno 20 mesi. Quindi per determinare quando si potrà stipulare un nuovo contratto basterà moltiplicare il numero di rate della cessione del quinto in corso * 40%.

Rifinanziare la cessione del quinto di durata 60 mesi

Il rinnovo della cessione del quinto può superare la regola dei due quinti (numero rate * 40%) solo nel caso in cui sussistano due condizioni:

  • la durata del contratto in corso sia pari a 60 mesi
  • il cliente non abbia mai stipulato un finanziamento con trattenuta in busta paga o con il quinto della pensione di durata pari a 120 mesi.

Se sono vere entrambe le ipotesi sopra citate, allora è possibile attivarsi fin da subito per il rifinanziamento del finanziamento, senza dover attendere i 2/5 previsti da Banca d’Italia.

Ad esempio se Mario:

  • ha sottoscritto in data 01/02/2018 una cessione del quinto con durata 60 mesi
  • ed in passato non ha mai fatto un finanziamento analogo di durata 120 mesi

potrà rifinanziare fin da subito il prestito, ma il nuovo contratto dovrà avere durata pari a 120 mesi.

Come ottenere nuova liquidità con la cessione del quinto non rinnovabile

Abbiamo individuato tre soluzioni:

  • prestito personale: richiede che il cliente sia regolare nelle banche dati creditizie come Crif o Experian
  • delega di pagamento
  • prestito cambializzato

Questi ultimi due finanziamenti sono concessi solo a lavoratori dipendenti. Più precisamente la delega di pagamento può essere richiesta da dipendenti:

  • statali NOIPA
  • pubblici
  • di aziende private (spa, srl, cooperative)

Il prestito cambializzato invece solo da dipendenti di aziende private:

  • sas
  • snc
  • ditte individuali
  • srl
  • cooperative
  • spa

Rifinanziare la cessione del quinto. Perché Globalfin

Globalfin è una società di mediazione del credito regolarmente iscritta all’albo OAM (numero iscrizione M359). La forza del nostro gruppo è la capillare presenza sul territorio tramite una rete di collaboratori, ma ancora più importante sono il numero di convenzioni attive con le principali banche, finanziarieassicurazioni.

Il ruolo di Globalfin è di broker finanziario; individuiamo per il cliente la miglior soluzione in termini di condizioni, tassi d’interesse ed opportunità. Il servizio è gratuito, non sono richiesti costi di nessun tipo.

Per maggiori dettagli compila il modulo di contatto che trovi sul nostro sito. Entro pochi istanti un collega ti chiamerà per verificare la fattibilità della tua richiesta. In caso di esito positivo, concordare un appuntamento, anche a domicilio, per gestire l’istruttoria del tuo nuovo finanziamento.

Vuoi rifinanziare la cessione del quinto? Approfittane, scopri i vantaggi della nostra offerta.

DiGlobalFin

Cessione del Quinto con CIG in Busta Paga è Possibile?

Cessione del Quinto con CIG in Busta Paga è Possibile? Ottieni la tua cessione del quinto nonostante la cassa integrazione, compila il modulo di contatto e richiedi subito informazioni. Valutiamo la tua pratica anche se hai la CIG, dobbiamo solo accertare alcuni parametri.

Hai una domanda? Utilizza lo spazio sotto alla pagina e ponici il tuo quesito. Un nostro esperto, in modo assolutamente gratuito, ti risponderà tempestivamente.

Cessione del Quinto con CIG. Parametri minimi richiesti

Ecco l’elenco dei parametri richiesti per poter valutare la tua richiesta di prestito in busta paga

– assunzione a tempo indeterminato
– anzianità lavorativa minima 6 mesi
– azienda srl, spa o cooperativa con oltre 16 dipendenti
massimo 40 ore di cassa integrazione in busta paga

Cos’è la CIG?

La cassa integrazione è quel procedimento che viene attuato quando un azienda ha delle difficoltà, in attesa di riprendere la normale attività produttive questo però non significa che l’ azienda stia per chiudere, anzi a volte può essere un modo per far riprendere l’ attività alla ditta, per questo motivo le assicurazioni valutano caso per caso anche queste situazioni. Prenota qui una consulenza.

Per ottenere un preventivo è sufficiente contattarci tramite il modulo o chiamando il numero 0522501400. Con poche informazioni saremo in grado di confermarti la fattibilità della tua richiesta di finanziamento. E’ inoltre possibile rinnovare una cessione del quinto già in corso.

Se invece la CIG subentra dopo aver stipulato un contratto di cessione del quinto, è possibile chiedere la sospensione o addirittura la riduzione della rata.

Centro gestione preferenze Privacy