Ottieni subito il tuo prestito!

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Perché parliamo di prestito con garante? Chiedere un prestito talvolta è necessario, soprattutto quando il bisogno di liquidità è imminente. Nello specifico, viene utilizzato il prestito con garante quando il cliente cerca una soluzione sapendo che una seconda firma è necessaria per il successo della sua richiesta.

Hai già richiesto a Compass un prestito con garante? Se la soluzione scelta non soddisfa le tue esigenze, questo articolo fa al caso tuo. Inoltre, se vuoi subito richiedere una consulenza gratuita, puoi farlo compilando il modulo che trovi alla fine di questo articolo: i nostri esperti sono già a tua disposizione.

Finanziamento con garante: come funziona?

Proprio come suggerisce il nome, il garante appunto garantisce sul prestito intervenendo solo quando il debitore non paga. È opportuno rivolgersi a un garante quando non il richiedente del prestito non ha alcun reddito da presentare a garanzia del finanziamento o, comunque, le fonti di reddito sono limitate e non risultano soddisfacenti per l’erogazione del prestito.

Sulla base di quanto detto precedentemente appare ovvio che la richiesta di prestiti per apprendisti con garante è necessaria. È necessario, inoltre che anche i prestiti senza busta paga vengano emessi con garante. Ti stai chiedendo se il garante può essere segnalato al Crif? La risposta è ovviamente no, un garante non può essere segnalato al Crif.

Se dovessimo porre la nostra attenzione sui requisiti di un garante per il finanziamento, dovremmo dire quindi che il primo è quello su citato. Non è possibile inoltre richiedere un prestito se cattivo pagatore anche con garante. Infatti, se cattivo pagatore o protestato, la figura del garante non servirà a nulla. Ti consigliamo in ogni caso di leggere l’articolo relativo ai prestiti per segnalati al Crif.

Hai chiesto ad Agos un prestito con garante? Anche in questo caso non può essere emesso alcun finanziamento a un cattivo pagatore anche se con garante.

Qualora avessi ulteriori dubbi, compila il modulo che trovi alla fine di questo articolo. Un nostro consulente ti ricontatterà in poco tempo e sarà a tua totale disposizione. Non perdere questa occasione, la consulenza è gratis!

Sicuramente però è possibile chiedere un finanziamento auto con garante.

Ora che abbiamo visto come funzionano i prestiti online con garante, vediamo chi può fare da garante per un prestito o per un muto.

Primo prestito con garante: cose da sapere

Innanzitutto è importante sapere chi è il garante di un prestito. Questo soggetto è una persona che può apporre una seconda firma, affiancata al primo richiedente, che è necessaria per rinforzare l’affidabilità creditizia di un cliente qualora si renda necessario.

Ti starai sicuramente chiedendo come trovare un garante, ebbene è importante che tu sappia che non esiste un vero e proprio mercato in tal senso. L’unica soluzione potrebbe essere quella di coinvolgere una persona conosciuta, magari appartenente al proprio nucleo. Infatti, di solito, colui che appone la firma a supporto di quella del richiedente è un familiare, un parente, al massimo un convivente.

Difficilmente, tra le altre cose, viene preso in considerazione un soggetto che non rientra nel nucleo familiare del richiedente.

Vogliamo tranquillizzarti e tranquillizzare chiunque tu abbia individuato, dicendoti che il garante più avere un finanziamento in corso già attivo, l’importanza è che sia regolarmente pagato. Per completezza d’informazione, diciamo anche che è preferibile che di questo impegno siano state rimborsate almeno dodici rate e la somma di tutti gli importi, compreso il nuovo prestito che si andrà a richiedere, non aggravi finanziariamente la posizione debitoria della seconda firma.

Cosa serve per fare da garante per un prestito?

Ci ricolleghiamo in parte in quanto anticipato in precedenza, dicendo che per fare da garante, innanzitutto serve un reddito stabile. Eventualmente dunque la firma di supporto può essere affissa da:

  • Dipendenti a tempo determinato
  • Pensionati
  • Autonomi con minimo due dichiarazioni dei redditi depositate

Inoltre, come già detto, il garante non deve essere un cattivo pagatore, eccessivamente o recentemente indebitato ma deve avere una buona storicità in banca dati, quindi un buon merito creditizio per essere individuato come affidabile.

Vuoi sapere quali sono i documenti per fare da garante? Semplice e immediato. Ovviamente abbiamo bisogno di un documento di identità e poi anche dei relativi documenti reddituali. Per qualsiasi informazione, non esitare. Puoi inviarci un messaggio compilando il modulo che troverai alla fine dell’articolo. In breve verrai messo in contatto con un nostro consulente che saprà rispondere a tutte le tue domande e illustrarti step by step tutti i passaggi per richiedere tale prestito.

Non dimenticare che esiste un’età massimo per il garante relativa al finanziamento. Il tuo garante non deve aver compiuto oltre il settantacinquesimo anno di età alla scadenza del finanziamento. Anche un pensionato può fare da garante, ma la regola è esattamente la stessa: è possibile fare da garante entro i settantacinque anni.

Vuoi maggiori informazioni? Compila subito il modulo contatti per ricevere una consulenza gratuita!

In ultimo crediamo sia necessario semplificare ed illustrare nel modo più chiaro possibile quando serve il garante per un finanziamento.

Quando ho bisogno di un garante per il mio prestito?

Sicuramente quando il profilo del richiedente lo inquadra come debole, logicamente, in tema creditizio. Può essere indicato come profilo debole chi non ha mai fatto un prestito, un dipendente neoassunto o con contratto a tempo determinato o, ancora, con contratto di apprendistato; ma anche un libero professionista con meno di ventiquattro mesi di partita iva.

Un profilo debole può essere anche un buon pagatore troppo esposto finanziariamente, più in generale chiunque percepisce un reddito insufficiente rispetto all’importo di finanziamento richiesto.

Tieni ben presente che quanto più aumenta la certezza del reddito del soggetto che richiede il prestito, meno servirà il garante. Considera le due cose come due linee che corrono in direzioni opposte. L’inverso, ovviamente, coincide con una diminuzione circa la certezza del reddito del richiedente e l’aumento della necessità di un garante.

Se hai altri dubbi, non esitare a chiedere: scrivici subito. Puoi contattarci attraverso il modulo che trovi qui sotto. Una volta compilato, invieremo la tua richiesta ai nostri consulenti così che tu possa essere ricontattato e guidato lungo tutto il processo informativo e di richiesta. Ricorda che con noi la consulenza è sempre gratuita!

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.