Prestito Consolidamento Debiti 5 Regole per Averlo!

Home » Prestito Consolidamento Debiti 5 Regole per Averlo!

Ottieni subito il tuo prestito!

Prestito consolidamento debiti, cos’è? Significato: è il finanziamento che ti aiuta a gestire al meglio le rate mensili dei tuoi impegni finanziari. In questo articolo scopriremo cos’è il prestito consolidamento debiti, come funziona e come ottenerlo. Quali finanziarie o banche erogano questo prodotto, perché affidarsi a Globalfin e come gestirlo se cattivi pagatori.

Se hai una domanda relativa a questo prodotto o se vuoi condividere la tua esperienza, scrivici adesso un commento nello spazio che trovi in fondo alla pagina. Ti risponderemo tempestivamente in modo gratuito.

Scopriamo adesso il prestito consolidamento debiti.

Prestito consolidamento debiti come funziona?

E’ il finanziamento nato per soddisfare le esigenze di chi ha più prestiti in corso ed intende unire tutte le rate in un unica soluzione.

Se ad esempio Mario ha 3 prestiti personali, uno con Agos, l’altro con Findomestic ed il terzo con Compass, consolidando i debiti con una nuova operazione, Mario avrà una sola rata mensile con un nuovo istituto di credito e contemporaneamente chiuderà gli impegni precedentemente in corso. Potrà pertanto accorpare il tutto in una sola rata mensile.

Dopo quanto si può rifinanziare un prestito?

Il rinnovo di un prestito personale quando può essere richiesto? Rinegoziare un prestito rientra nella modalità di consolidare un debito; per procedere con questa soluzione è sempre consigliato attendere il pagamento di un numero minimo di rate (non inferiore a 12) proporzionale alla durata dell’impegno in corso.

Pertanto rispondere alla domanda “dopo quanto tempo si può rinegoziare un prestito” non è facile, ma possiamo dare queste indicazioni:

  • attendi minimo il pagamento di 12 rate
  • per prestiti con durata comprese tra 60 e 84 mesi, per rifinanziare il prestito è meglio attendere un periodo superiore variabile da 18 a 24 mesi
  • se il finanziamento in corso prevede un numero di rate maggiore a 96, allora prima di attivarsi nella rivalutazione del finanziamento è preferibile prima rimborsare almeno 24/36 rate

Perché attendere tutto questo tempo? Per una finanziaria, se il cliente ricorre frequentemente al credito, per quanto possa essere regolare nei pagamenti, non è un segnale positivo. Si potrebbe pertanto incappare nel rifiuto della richiesta con conseguente penalizzazione nei sistemi creditizi.

Hai fatto richiesta di rinnovo prestito con esito non positivo? Contattaci adesso e prenota subito una consulenza gratuita e senza impegno.

Consolidamento prestiti come fare?

Per prima cosa bisogna individuare una banca o una finanziaria disposta ad offrire questo servizio. Non tutti gli istituti di credito garantiscono questa possibilità; è fondamentale pertanto cercare chi eroga finanziamenti per consolidamento debiti come ad esempio prestito consolidamento debiti Findomestic, prestito consolidamento debiti Unicredit, o Fiditalia, Mps, Poste Italiane, Bnl.

Scelto l’istituto di credito a cui volersi affidare, bisognerà presentare la domanda come per un semplice prestito personale. In questo caso però la finalità del finanziamento è diversa perché parte o tutta la liquidità che verrà erogata servirà per unificare altri prestiti in corso.

Una volta deliberata la richiesta, la nuova finanziaria provvederà a estinguere anticipatamente i debiti residui dei precedenti prestiti e se rimarrà della liquidità aggiuntiva, la verserà sul conto corrente del cliente.

Prestito per consolidamento debiti vantaggi?

Perché è interessante unire le rate in un unica soluzione? Possiamo dire con certezza che le principali leve che portano un cliente a unificare i vari impegni finanziari sono:

  • pagare una sola rata mensile più bassa
  • dialogare con un solo interlocutore, una sola finanziaria
  • uniformare i tassi di interessi, cercando di risparmiare sugli interessi passivi
  • aumentare la durata di rientro sempre per ridurre ulteriormente l’importo della rata
  • ottenere nuova liquidità

Come mai con il consolidamento prestiti ottengo nuova liquidità? Quando si è troppo impegnati, anche se buoni pagatori, avere un nuovo prestito non è scontato. In linea teorica possiamo dire che un cliente può impegnare il suo stipendio fino ad un massimo del 40%.

Se ad esempio Luca percepisse un reddito mensile di 1250 euro, il 40% ammonterebbe a 500 euro. Quindi quest’ultima somma corrisponderebbe al totale rate che Luca potrebbe sostenere ogni mese. Nel nostro esempio Luca ha:

  • 253 euro rata auto Findomestic (rate residue 23)
  • 227 euro rata arredamento con Banca Intesa San Paolo (rate residue 15)

Anche se mancano poche rate, Luca è impegnato per complessivi 480 euro mese. Se fosse interessato ad un nuovo finanziamento di 10000 euro potrebbe incontrare problemi perché la nuova rata sballerebbe il bilancio degli ipotetici 500 euro massimi mese.

Cosa fare in questi casi? Il consolidamento finanziamenti è di certo la soluzione ideale. Sommando il debito residuo del prestito Findomestic più quello Intesa San Paolo, Luca potrà  avere il consolidamento debiti e liquidità aggiuntiva.

Consolidamento debiti senza garante

Il calcolo degli impegni in corso è necessario per capire se per procedere con il consolidamento rate è necessario con o senza garante. Per meglio dire se la nuova rata calcolata dopo il consolidamento finanziamenti sarà sostenibile a firma singola, senza l’avallo di un fedeiussore.

Quando si vuole procedere con il consolidamento debiti senza garante, ovvero senza una seconda firma, è necessario valutare:

  • tutti i prestiti in corso li ho ottenuti a firma singola o con la garanzia di una seconda firma? Nel secondo caso sarà più difficile ottenere il nuovo finanziamento senza la figura del garante.
  • Il mio reddito è sufficiente a garantire la banca o la finanziaria che dovrà erogare la nuova somma di denaro? Vi ricordate cosa abbiamo detto prima? Un cliente, in linea generale, può impegnare il suo reddito fino ad un massimo del 40%. Se la nuova rata supera questa soglia, anche in questo caso è consigliato procedere a doppia firma.

Consolidamento debiti cattivi pagatori, è possibile?

Non esiste un vero e proprio finanziamento dedicato a chi è segnalato in Crif come cattivo pagatore con la finalità di chiudere altri impegni in corso. Ciò non toglie che esistono alternative ugualmente valide grazie alle quali potrai ottenere un prestito per consolidamento debiti cattivi pagatori.

Più precisamente parliamo di:

  • cessione del quinto
  • delega di pagamento
  • prestito cambializzato

Puoi scoprire maggiori dettagli su questi finanziamenti direttamente sul nostro sito; per un preventivo gratuito e senza impegno, contattaci!

Valutiamo richieste fino a 50000 euro rimborsabili fino a 120 mesi.

E’ il caso di un nostro cliente, Giovanni, che pochi mesi fa ci ha contattato scrivendoci:

ho chiesto online un prestito consolidamento debiti findomestic, ma non mi è stato accettato perché risulto cattivo pagatore agos per una carta di credito revolving. Ho necessità di 15000 euro per chiudere la carta agos e perché mi servono altri soldi. potete aiutarmi, grazie

Giovanni, assunto da 3 anni in una ditta privata, ha ottenuto la somma di cui aveva bisogno per gestire le sue esigenze.

Consolidare Debiti, Perché Globalfin?

Da oltre 15 anni ci occupiamo di finanziamenti a privati e grazie ai numerosi accordi con le principali società finanziarie Italiane, siamo in grado di garantire, in modo facile e veloce, un risultato certo.

Logicamente non riusciamo a soddisfare le migliaia di richieste ricevute ogni mese, ma l’anno scorso abbiamo ottenuto un grado di soddisfazione cliente pari al 93%.

Come funziona il servizio? Innanzitutto è necessario fare richiesta sul nostro sito tramite il modulo di contatto; la richiesta non sarà segnalata alle banche dati creditizie come Crif, per cui sarai libero di decidere se procedere o meno con la nostra società, senza penalizzazioni.

Inviata la richiesta, entro pochi minuti, ti contatteremo telefonicamente per capire se siamo in grado di aiutarti. In caso positivo, valuteremo una simulazione per il tuo nuovo prestito, quindi concorderemo con un nostro collaboratore di zona, un appuntamento anche a domicilio.

Sei di Milano, Napoli, Roma, Torino o Pavia? Bene, siamo presenti su tutto il territorio nazionale, anche nella tua città.

Sei interessato al consolidamento rate dei tuoi finanziamenti? Contattaci ora! Il servizio è gratuito, senza spese e soprattutto senza impegno.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

49 commenti su “Prestito Consolidamento Debiti 5 Regole per Averlo!

  1. Buongiorno,
    Vi espongo il mio problema,
    Sono assunto a tempo indeterminato dal marzo 2009 (stipendio medio 1950 euro), sposato e con 3 figli minori a carico e moglie disoccupata.
    Ad ottobre 2016 abbiamo fatto un mutuo (1^casa) con unicredit 306 euro/mensili, purtroppo per affrontare la ristrutturazione dell’immobile e per altre spese familiari, nel aprile 2019 abbiamo fatto un prestito agos di euro 50.000, per una rata aggiunta mensile di euro 600. Con la promessa di fattibilità da parte della filiale che dopo 6 mesi avremmo potuto richiedere di posticipare le rate a 180 mesi anziché 120 (limite massimo). Dopo aver contattato alla 6° rata pagata mi rispondono che non è possibile l’opzione, e adesso mi trovo a pagare quasi 1000 euro/mensili che gravano non poco sul bilancio familiare. Premetto che qualsiasi rata (finanziaria/banca) è stata sempre onorata puntualmente, ma onestamente adesso è davvero difficoltoso.
    Vorrei perlomeno trovare una soluzione al prestito personale, ovvero, estinguere agos e poter accedere al credito ad una finanziaria/banca che sia disponibile ad arrivare a 180 mesi (piano di rimborso) cosi da rendere più leggera spesa mensile.
    Grazie Anticipatamente.

    • Antonio buongiorno,
      purtroppo non è possibile; non esistono a oggi soluzioni di rateazione con estensione fino a 180 rate (eccetto se si tratta di mutuo). Una soluzione potrebbe essere chiedere un anticipazione del TFR e verificare se la liquidità erogata potrà aiutarla a ridurre in modo sensibile l’importo della rata mensile di Agos.
      In alternativa la cessione del quinto, ma nel caso bisognerà verificare se la somma ottenuta sarà sufficiente a estinguere tutto il debito del prestito, oltre a confrontare l’attuale rata con quella futura